RISOLVERE I BLOCCHI PSICOSOMATICI (attraverso l’integrazione posturale)

 

 

Quando ero giovane mi sembrava che la vita fosse così meravigliosa, un miracolo, oh era bella, magica. E tutti gli uccelli sulle piante cantavano così felici, pieni di gioia, giocosi mentre mi guardavano. Ma poi mi mandarono via, per insegnarmi ad essere sensato, logico, responsabile, pratico. E mi mostrarono un mondo dove potevo essere dipendente, clinico, intellettuale, cinico.  Supertramp

Erminia è un’insegnante sulla trentina che richiese una serie di sedute di Integrazione Posturale. Il suo collo era dolente e si sentiva molto confusa. Viveva ancora con i genitori in una situazione di continuo stress e non era molto soddisfatta del proprio lavoro. Ad un primo esame il suo corpo rivelava tutta la disperazione e scissione che erano nella sua vita. Gli occhi fissi ed inespressivi, il collo taurino ed incassato, le spalle troppo massicce e contratte contrastavano con una parte inferiore della figura armonica ed attraente.
Dopo una serie di sedute nelle quali lavorai per ammorbidire la sua muscolatura dolente e rigida, Erminia si concesse di percepire se stessa profondamente. Si rese conto di come quella corazzatura muscolare che aveva sviluppato per affrontare il mondo soffocasse la sua femminilità e davanti ai suoi occhi comparve, improvvisa e lucidissima, l’immagine di una piovra mostruosa. La invitai ad affrontarla nella fantasia. Erminia, dapprima titubante, colpì con un arpione la piovra, che si sgonfiò rapidamente come un pallone e salì sino alla superficie del mare. Alla luce del sole il mostro si ridusse ad una misera immagine di plastica, un giocattolo. Mentre, dopo questa vittoria, Erminia nuotava verso un’accogliente spiaggetta tropicale, nel suo corpo si risvegliava una piacevole corrente di energia, che la faceva senti-re libera e sensuale. Nelle sedute successive le divenne chiaro che la proibizione materna di vivere la propria sessualità – la piovra soffocante – e le difficoltà, sia in famiglia e sia sul lavoro, la avevano condotta a negare se stessa ed a sviluppare un atteggiamento da boxeur . Le sue spalle si sgonfiarono ed il suo corpo acquisì una armonia prima insospettabile. Gli occhi ripresero vitalità, si concesse finalmente di aprirsi al mondo e presto riuscì ad ottenere una autonomia rispetto alla famiglia.
Dopo quattro mesi ricevetti una sua cartolina dai tropici: un vecchio sogno ritenuto sino allora irrealizzabile.
Bruno è un operaio di quaranta anni circa. Per cinque anni si era imbottito di psicofarmaci ed ogni sorta di medicinali per combattere un singhiozzo persistente, che continuava anche di notte non facendolo dormire. Il suo corpo magro e muscolo so era un fascio di nervi dolente richiuso attorno allo stomaco, con le braccia piegate come per afferrare qualcosa. Mentre lavoravo sulla mascella una ondata di rabbia lo pervase, facendolo tremare ed urlare. Al mio invito a chiudere gli occhi e vedere chi avesse davanti, apparve l’immagine della moglie. Bruno le urlò piangendo quello che aveva inghiottito per tanti anni. Il singhiozzo scomparve, lasciando il rimpianto per tutto il tempo perduto ed il desiderio di chiarire fino in fondo la sua relazione di coppia.
Laura non si era concessa mai nulla nella sua vita. Studentessa di 26 anni, non si permetteva di respirare con il suo torace depresso, ne’ tantomeno di terminare gli studi. Il suo aspetto era estremamente trascurato. Lavorando sull’area toracica e sbloccando la respirazione si sentì avvolta da una melassa putrida ed appiccicosa. Si sentiva un ragnetto invischiato in un liquido nauseabondo. Non poteva aprire gli occhi e quando lo fece era appena nata: sua madre la guardava fisso con disapprovazione. Quando, nella realtà, le chiese come erano andate le cose, la mamma le disse che le sue prime parole nel vederla erano state: “ma quanto è brutta!”. Per 26 anni aveva continuato nel profondo a pensare di essere orribile e di non meritare nulla nella vita. Nei tre casi sopra brevemente accennati ho voluto mostrare come si procede in una serie di sedute di Integrazione posturale (lP). Il paziente viene portato direttamente in contatto con tutti i livelli della sua esperienza esistenziale. Sul piano corporeo i suoi muscoli vengono decontratti e rilassati, su quello emozionale sentimenti bloccati e traumi vengono liberati, psichicamente viene stimolata la comprensione di se stessi e favorito un migliore adattamento. Per Erminia, Bruno e Laura possiamo parlare di una interruzione sopravvenuta nel corso della loro storia personale. Un evento vissuto come traumatico ha creato uno squilibrio nel loro mondo. La loro mente ha perso la capacità di vedere chiaramente la realtà e di risolvere problemi in maniera creativa, emozionalmente sono rimasti fissati ad una situazione spiacevole rinnovandola costantemente nella vita quotidiana, il loro corpo ha perso mobilità e si è deformato sotto il peso di questi eventi. Una mente sana in un corpo sano, dicevano gli antichi romani, ed avevano ragione. Il corpo è come un magazzino nel quale accumuliamo tutti i rifiuti. Ovvero, se c’è in noi una qualche disarmonia, questa si esprime chiaramente sul piano somatico. È per questo che nella IP ci alleniamo a “leggere” il corpo. Un suo esame approfondito può essere più indicativo e veritiero del più sofisticato test psicologico. Dalla forma e posizione dei piedi, ad esempio, possiamo vedere i contatti di una persona con la realtà. Le braccia indicheranno la capacità di agire, il torace la possibilità di scambio e relazione. Le interruzioni nella armonia del corpo rivelano invece la scarsa integrazione di livelli esistenziali. Un uomo dal grosso torace e dalle gambe esili può essere molto abile nell’affrontare la vita pubblica, ma nel privato incapace di sostenersi, il classico macho o millantatore. Il problema è che i conflitti che si somatizzano creano in breve tempo un danno che viene moltiplicato dalla innata capacità di autocompensazione del corpo. Guido temeva molto suo padre da bambino, che lo dominava e lo picchiava spesso sulla testa. Aveva perciò appreso a tenerla sempre bassa, piegata in avanti in un atteggiamento di difesa. Questo provocava un continuo stress sui muscoli posteriori del collo e delle spalle, che venne compensato aumentando la curvatura della bassa schiena e ruotando il bacino in avanti. I muscoli delle gambe persero la loro elasticità per mantenere questa posizione scorretta, aumentando ancora il senso di insicurezza di Guido, che cercò più stabilità sviluppando i piedi piatti. Un conflitto che si somatizza in una contrazione cronica provoca nel tempo la deformazione e l’irrigidimento di tutta la struttura corporea. Quel capolavoro di ingegneria meccanica che è il nostro corpo si adatta infatti con tutte le sue risorse alla continua trazione della forza di gravità. Il conflitto si è inoltre somatizzato proprio perché, in quanto disturbante, abbiamo deciso di mantenerlo al di fuori della nostra consapevolezza. Non volevamo sentire tutto quel dolore e lo abbiamo bloccato nel corpo. Immaginate che il dentista vi stia trapanando un dente ed osservate contemporaneamente i vostri muscoli ed il vostro respiro: capirete quello che intendo dire, sarà difficile che anche un accurato programma di rieducazione fisica possa riportare Guido in buone condizioni, se non gli si permetterà di divenire conscio della sua insicurezza e delle origini di essa.

Integrazione posturale Integrazione strutturale
L’IP è quella tecnica che può dare alla postura corporea un buon allineamento, sciogliendo i blocchi somatici accumulati. In una serie di almeno dieci sedute della durata di un’ora tutte le aree dello psicosoma vengono trattate secondo una precisa sequenza, dettata dalla esperienza su migliaia di casi di ogni razza, sesso, età e nazionalità. Dal punto di vista strutturale l’IP deriva , dagli studi di Ida Rolf e dalla sua scoperta che il tessuto connettivo – cioè quel tessuto che ‘riempie i buchi’ del corpo dandogli una forma plastica, che connette, avvolge e compenetra muscoli ed organi – ha una funzione fondamentale nel sostenere l’organismo. In condizioni di stress fisico e nell’invecchiamento esso si secca ed indurisce, incollandosi ai tessuti circostanti e riducendo fortemente la mobilità, ma la sua grande plasticità permette di far ritornare la struttura fisica in un corretto allineamento attraverso semplici manipolazioni. La tecnica della Rolf, la Integrazione Strutturale o “Rolfing”, ha dimostrato una efficacia quasi miracolosa, beneficiando migliaia di persone e diffondendosi in tutto il mondo. Jack Painter, un professore dell’università di Miami, creò la IP sul finire degli anni 60, perché si accorse che la potenzialità enorme del Rolfing di riarmonizzare anche la psiche e le emozioni veniva trascurata. Trasformò perciò questa tecnica in senso olistico combinandola ad altre, quali la Bioenergetica, il Rebirthing e la Gestalt, che permettessero di farsi carico dell’aspetto energetico-emozionale, Feldenkrais ed Alexander per la consapevolezza del movimento ed il Sogno da Svegli Guidato per l’aspetto simbolico. Ottenne così una metodologia unitaria che potesse porsi in relazione con la totalità dei livelli esperienziali dell’uomo. Il paziente durante una seduta di IP viene seguito in ogni “zona” dell’essere nella quale si sposti in quel momento la sua consapevolezza. Una forte contrattura muscolare può infatti trasformarsi, mentre ne prendiamo coscienza, in emozione, una emozione può innescare fantasie ed elaborazioni simboliche, l’attualizzazione di un simbolo può riverberarsi in un ritmo respiratorio, e così via. Un atteggiamento di vicinanza onnicomprensiva – così lontano dalla fredda settorialità dello specialista – induce un abbandono fiducioso ad una reale esperienza di trasformazione. La sistematizzazione teorica più vicina alla IP è quella dello psichiatra cecoslovacco Stan Grof. Le sue ricerche su Stati Alterati di Coscienza, terapie psichedeliche, vissuti perinatali e tanatologia, condotte a Praga e negli USA, lo portarono negli anni ’60 a formulare il concetto di COEX-s (Condensed experience System, sistema di esperienza condensata). Un insieme di sistemi COEX è per Grof un modello personale che governa la nostra percezione del mondo. Un sistema COEX, ad esempio il complesso di Edipo, è un box di memorie ed atteggiamenti, anche fisici, condensati ad uno specifico vissuto emozionale. La qualità della nostra esistenza è strettamente correlata alla comprensione ed esperienza diretta dei vari COEX-s emersi nel corso della storia personale di ognuno. Nel caso di Laura la sua scarsa autostima, il suo trascurare l’aspetto fisico, la respirazione bloccata, il non permettersi di riuscire, sono espressione di un COEX-s centrato sulla sua penosa esperienza perinatale. Attorno a questo primo trauma si è creata una costellazione di vissuti legati al  rifiuto ed all’umiliazione, favoriti dal trauma stesso e confermanti la sua tonalità emozionale. Nella IP, a partire dal corpo, ci si confronta con i COEX-s del cliente, cercando di chiarificarli ed integrarli armonicamente nella sua personalità.  Dal 1973 ad oggi la IP si è diffusa in tutto il mondo e si sono costituiti centri di formazione in tutti i principali paesi.
 

Autore: Dr Massimo Soldati

Sito: http://www.integrazioneposturale.it
Bibliografia
Campbell, J. Myths to live by, Bantam, N.Y. 1973.
Dychtwald, K. Psicosoma, Astrolabio, Roma 1978
Grof, S. Realms of the human unconscious. Observations from LSD research, Viking press, N.Y. 1975.
Grof, S. e Halifax, J. L’incontro con la morte, Siad, Milano 1978.
Johnson, S. The protean body, Harper e Row, N.Y. 1977.
Kurtz, R. e Prestera, H. Il corpo rivela, Sugarco, Milano 1978.
Orr, L. e Ray, S. Rebirthing in the new age, Celestial Arts, Millbrae 1976.
Painter, J. Massaggio in profondità. L’integrazione posturale, Sugarco, Milano 1983
Painter, J. Manuale tecnico di lavoro corporeo olistico, Solar
studio, Roma 1984.
Rolf, I. Rolfing: the integration of human structures, Harper e Row, N.Y. 1977.
Schultz, W. e Turner, E. Body fantasy, Harper e Row, S. Francisco 1977.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...