INCHIESTA RAI, NELLE TELEFONATE COMPARE LETTA “GIANNI, IL PREMIER VUOLE CHE FERMIAMO SANTORO”…

Il Cavaliere si sfoga per le sue traversie familiari: “Sai quanto ha chiesto mia moglie?
Tre milioni e 600 mila euro al mese. Fanno 45 milioni all’anno, cioè 90 miliardi”

Inchiesta Rai, nelle telefonate compare Letta  "Gianni, il  premier vuole che fermiamo Santoro" Gianni Letta

ROMA – Nelle telefonate agli atti dell’inchiesta di Trani spunta il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni Letta. Intanto Berlusconi attacca: magistrati e sinistra condizionano il voto. E il ministro Alfano rincara la dose: il Csm viola la Costituzione. Dal canto suo la Procura di Trani nega agli ispettori inviati dal ministro il fascicolo dell’inchiesta. Il premier era infuriato al punto da insultare pesantemente Giancarlo Innocenzi, il suo “fedelissimo” all’Autorità garante delle comunicazioni, il quale insieme a Mauro Masi, direttore generale della Rai, veniva sollecitato a fare chiudere Annozero. Letta, stando a quanto risulta dalle intercettazioni telefoniche disposte dalla procura di Trani, era informato della strategia che doveva portare a “imbavagliare” le trasmissioni “sgradite” e a impedire, tra l’altro, nuovi interventi del direttore di Repubblica Ezio Mauro e del fondatore Eugenio Scalfari, che avevano criticato il premier in alcune trasmissioni. Letta sarebbe intervenuto dopo che Innocenzi e Masi non erano riusciti a farlo.

C’è anche questo nelle quaranta pagine della richiesta rivolta dal pm al gip di Trani per ottenere dalla Camere l’autorizzazione a utilizzare le conversazioni del premier perché ritenute “penalmente rilevanti”. Nell’atto, che riporta tutte le mosse di Berlusconi e dei suoi uomini per bloccare le trasmissioni tv, c’è un presidente del Consiglio che appare in più circostanze molto agitato. E che, tra l’altro, parla di vicende familiari, sfogandosi con Innocenzi a proposito di quanto gli costerà – circa 90 miliardi di vecchie lire l’anno – il mantenimento alla sua ex moglie Veronica Lario.

“GIANNI SCUSA, SONO GIANCARLO…”
È il 3 dicembre 2009. Innocenzi, che ha già ricevuto decine di telefonate di Berlusconi che lo accusa di non avere fatto nulla per bloccare Santoro, chiama Letta.

Innocenzi:
“Gianni, scusa sono Giancarlo”.
Letta: “Si, eccomi”.
Innocenzi: “Allora io ti risparmio, quando con calma ti racconto tutto… Insomma, per essere più veloce tutte le documentazioni, quali carte ho dato agli uni e agli altri, sanno tutto quelli della Vigilanza, sa tutto… Masi, sa tutto l’Autorità, ho fatto fare da un gruppo di due amici magistrati tutta l’analisi, anche perché siano gli strumenti per quella storia di questa sera di Mills. Secondo le valutazioni di questi due amici magistrati, lui stasera non potrebbe parlare di Mills essendoci il processo in corso”. Letta risponde con una parola incomprensibile.

Innocenzi: “Ho dato queste carte a Mauro (presumibilmente Masi-ndr). Mauro vuole la pezza forte, ci vorrebbe che sostanzialmente Calabrò (presidente dell’Agcom-ndr) gli dicesse (a Santoro-ndr): “Tu non puoi fare la trasmissione questa sera parlando di Mills”. Io non so più a che aggrapparmi, tutto quello che potevo fare l’ho fatto. Adesso Mauro mi chiama e mi dice: “Se Calabrò dice ‘guarda che tu la trasmissione su Mills non puoi farla’, io vado con questa e non gliela faccio fare… tu (Gianni Letta ndr) sei l’ultima spiaggia…”.

Letta pronuncia altri commenti incomprensibili. Poi aggiunge: “Proverò a cercarlo, grazie , ciao ciao”.
Subito dopo Innocenzi chiama Masi. Lo informa di avere parlato con Letta: “Io ho detto a Gianni, anche adesso, avverti tu Calabrò, di mettere più spessore possibile su questa cosa… comunque adesso è informato anche Gianni, così abbiamo chiuso il cerchio, così nessuno può dire che non sapeva un cazzo”. Masi gli chiede se ha parlato direttamente con Letta e Innocenzi lo conferma. Il dg Rai gli dice anche che ha parlato con Santoro che gli ha assicurato che farà una “trasmissione equilibrata”.

Poi Masi gli ricorda che “dopo la D’Addario c’era spazio e modo per potere intervenire mille volte, non lo abbiamo fatto, non è stato fatto, e ci troviamo adesso questa roba qui, l’unica cosa che può servire veramente e che se lui (Santoro-ndr) fa la pipì fuori dal vaso stasera…”.

Il pm di Trani descrive altre manovre, “con coinvolgimenti ai massimi livelli da parte del commissario Agcom che, ormai esasperato, par arrivare al presidente Calabrò (che sembra resistere alle pressioni esterne) si affida alla mediazione del sottosegretario Gianni Letta, il quale dal canto proprio promette ad Innocenzi di attivarsi e cercare il presidente Calabrò”.

“ABBIAMO CACCIATO ANCHE RUFFINI”
Anche alla domenica Masi e Innocenzi non hanno pace. Berlusconi li investe con insulti perché non riescono a fermare Santoro. Innocenzi informa Masi che “loro faranno il processo Mills” e gli racconta che, quando Berlusconi lo ha saputo, gli ha gridato “che cazzo state a fare tutti quanti!”. “E poi – aggiunge – mi ha fatto un culo che non finiva più”. I due si disperano per accontentare Berlusconi, ma non ci riescono. Si raccontano di essere riusciti a eliminare Paolo Ruffini, direttore di Rai Tre.

LO SFOGO DI MASI

“Come traspare da questa intercettazione  –  scrive il pm di Trani – Innocenzi reduce dalla telefonata del presidente Berlusconi che lo affligge, chiama Masi e si sfoga. Masi si mette prontamente al servizio del commissario Agcom e promette di “mettere su una strategia operativa” che serva a risolvere il “problema Santoro che è un problema tutto particolare”. Quindi aggiunge che la Rai sta “aggiustando”. Gli viene chiesto come. La risposta è: “Sai, la stiamo aggiustando, stiamo facendo di tutto, abbiamo mandato via pure Ruffini, insomma, voglio dire siamo riusciti a fare…”. Per il pm è “un evidente riferimento al fatto di assecondare i desiderata del presidente Berlusconi”.

“CALABRO’ POTREBBE ESSERE INTERCETTATO”
È IL 9 dicembre 2009. Alle 8,35 del mattino Berlusconi chiama Innocenzi e lo rimprovera d “non avere fatto niente”.

Berlusconi: “Pronto?”.
Innocenzi: “Sì, ciao presidente”.

Il premier gli scarica addosso una serie di epiteti. Innocenzi annaspa, dice che hanno “fatto qualcosa”, di non aver potuto fermare la trasmissione sul caso Mills e di essere “andato da Calabrò incazzato come una biscia, cioè da questo momento in poi ero come un tupamaro con le bombe addosso e in qualsiasi momento facevo un casino..”.

SPATUZZA E IL PREMIER SOTTO ACCUSA
Berlusconi attacca ancora Innocenzi: “Allora ti dico, giovedì sera c’era ancora il processo Spatuzza e fanno il processo a me come appartenente alla mafia… allora se voi non riuscite veramente a fare questa roba qua… non lo so io…”.

Innocenzi balbetta. Dice a Berlusconi che si è attivato per preparare un ricorso “come informativa”. “Allora tutti e quattro, Savarese, Mannoni io e Napoli, a parte Magri, siamo d’accordo, salvo che domani non mi brucino, per fare casino all’interno del consiglio”.

Innocenzi: “Anche Napoli (pure lui componente dell’Agcom-ndr) è d’accordo perché lui aveva vissuto la vicenda di Clemente (Mastella-ndr) quindi…”.
Berlusconi: “Napoli da dove arriva, da Mastella?”.

Innocenzi conferma e Berlusconi risponde: ” Mastella adesso è totalmente con me… e con Napoli avete la maggioranza senza Magri”.

Innocenzi tranquillizza il premier: “Diciamo che ho Mannoni (altro componente dell’Agcom-ndr), Savarese che era amico di Fini, però … è più amico di Maurizio Gasparri”.

“ATTENTO A PARLARE AL TELEFONO”
A questo punto Berlusconi invita Innocenzi a parlare con Calabrò e lo avverte: “Però stai attento a parlare al telefono col Presidente … perché voci, che non so se siano vere o meno, dicono che ha il telefono sotto controllo…”.

Innocenzi risponde a Berlusconi di essere preoccupato perché probabilmente è lui ad avere il telefono sotto controllo: “Ma a me ieri sera è successa una cosa molto strana, tra l’altro oggi mi è arrivato un numero inesistente, io non ho risposto (…). Uno dei nostri tecnici mi dice che è un modo per potere mettere sotto controllo il telefono e oggi faccio fare altre ulteriori… però non me ne frega niente..”.

Innocenzi continua ad informare Berlusconi sull’attività che sta organizzando per bloccare Santoro.
Il premier gli dice che va bene. “Ma mi raccomando perché adesso entriamo in una zona di guerra veramente brutta”. “Sì – aggiunge questo non è mica servizio pubblico… è l’unico servizio pubblico al mondo che fa queste cose”.
Innocenzi: “Non è più possibile che questo qui (Santoro-ndr) faccia quel cazzo che gli pare veramente”.

BERLUSCONI, VERONICA E LA CIR
Innocenzi: “Il problema vero è che devi stare bene tu, cazzo…”.
Berlusconi: “Mi stanno attaccando da tutte le parti sul piano patrimoniale, sai quanto ha chiesto mia moglie di mantenimento al mese? Tre milioni e seicentomila euro al mese che fanno 45 milioni l’anno che fanno novanta miliardi di lire l’anno e siccome c’ha il giudice che è amico dell’avvocato… hanno depositato ed è andato automaticamente a un certo giudice, c’è il rischio che succeda che me li danno”.

Poi Berlusconi parla della causa civile con Carlo De Benedetti per la vicenda Cir: “E’ una cosa pazzesca, ho il fisco che mi chiede 900 milioni, coso… De Benedetti che me li chiede, ma ha già avuto una sentenza a favore, 750 milioni… Pensa te , mia moglie che mi chiede 90 miliardi di vecchie lire all’anno, sono messo bene no? E poi le sentenze penali con dei giudici che sono dei killer invece che essere dei giudici”.

De Martino Luca
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ATTUALITA', POLITICA. Contrassegna il permalink.

2 risposte a INCHIESTA RAI, NELLE TELEFONATE COMPARE LETTA “GIANNI, IL PREMIER VUOLE CHE FERMIAMO SANTORO”…

  1. luca ha detto:

    non mi sembra cosi’ impossibile provare l’esistenza del reato di concussione anche perchè ci sono le intercettazioni che provano tante cose. Ho fiducia nella magistratura, staremo a vedere

  2. sgrz ha detto:

    il problema della lottizzazione rai e dell’indipendenza delle autority è politico, non giudiziario. La vedo dura a provare l’esistenza del reato di concussione

    Berlusconi chiede a Innocenzi (Agcom) di chiudere Annozero. il ruolo della politica e quello della magistratura

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...