ANNUSARE IL TUMORE…

I ricercatori del Monell Chemical Senses Center a Filadelfia hanno presentato al convegno della American Chemical Society i risultati della loro ricerca dalla quale emerge che gli odori della pelle possono essere utilizzati per riconoscere il carcinoma basocellulare, la forma più comune di cancro della pelle. La scoperta verrà pubblicata sul numero del mese prossimo del British Journal of Dermatology.
Partendo dalla nozione che la pelle umana produce numerose molecole chimiche volatili, molte delle quali odorose (VOC), i ricercatori hanno campionato l’aria immediatamente soprastante a tumori basocellulari in 11 pazienti, identificando un profilo di composti chimici VOC chiaramente differente da quello riscontrabile nella stessa posizione in altrettanti soggetti sani di controllo.
Utilizzando tecniche di gas-cromatografia di massa gli studiosi hanno scoperto che i profili VOC contengono la stessa serie di composti chimici ma si riscontrano differenze notevoli nelle quantità dei diversi composti, alcuni dei quali sono presenti in misura maggiore in caso di carcinoma basocellulare, mentre altri appaiono ridotti.

Lo studio ha mostrato anche che l’invecchiamento non influenza il tipo di VOC trovati nei profili, tuttavia alcune sostanze chimiche appaiono presenti in maggiori quantità negli anziani che nei giovani. Questo lavoro rappresenta la prima caratterizzazione complessiva dei VOC in siti dell’epidermide che non siano le ascelle in persone di età e genere differente.
Lo studio ha mostrato anche che l’invecchiamento non influenza il tipo di VOC trovati nei profili, tuttavia alcune sostanze chimiche appaiono presenti in maggiori quantità negli anziani che nei giovani.
Michelle Gallagher, che ha diretto la ricerca, ha affermato “La nostra scoperta potrà un giorno permettere ai medici di stabilire una diagnosi di cancro della pelle fino dagli stadi più iniziali” e ha specificato anche che la tecnica potrà essere utilizzata anche per altre forme di tumori della pelle.
I ricercatori infatti ora mirano a tracciare il profilo VOC anche del melanoma e del cancro a cellule squamose, sperando che le loro scoperte siano gemellabili con i risultati delle ricerche nel campo delle tecnologie dei neno-sensori applicata alla produzione di “nasi elettronici”, per introdurre una nuova forma di diagnosi.

Fonte: www.molecularlab.it

De Martino Luca

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in SALUTE E BENESSERE, SCIENZA E AMBIENTE. Contrassegna il permalink.

Una risposta a ANNUSARE IL TUMORE…

  1. Pingback: ANNUSARE IL TUMORE… « Nuova Coscienza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...